Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Brugnaro, incontro con i sindacati «Chiederemo la Cig per un anno»

Fonte: La Nuova Venezia del 07-05-2020

L’intesa, dopo tre ore di confronto serrato al Tronchetto, alla fine è stata raggiunta. Ieri poeriggio lungo faccia a faccia tra il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e i segretari territoriali delle categorie sindacali dei trasporti Valter Novembrini di Filt Cgil, Marino De Terlizzi di Fit Cisl, Francesco Sambo di Uil Trasporti, Andrea Naia di Faisa, Alberto Cancian di Usb e Lorenzo Boscolo di Ugl Trasporti di Venezia. Per affrontare la crisi profonda dei conti dell’aziienda di trasporto di Venezia, Actv, con 108 milioni di minori entrate, personale in cassa integrazione, e tensioni in città per il malcontento dei cittadini. E ieri mattina si è unita la protesta dei lavoratori. 

Dopo oltre tre ore di discussione l’intesa pare raggiunta. In una nota il Comune di Venezia, presente con il sindaco e l’assessore al bilancio Michele Zuin e il direttore generale del gruppo Avm, Giovanni Seno con i vari dirigenti del gruppo, si spiega che si sono affrontate diverse tematiche causate dall’emergenza del Covid-19, non solo legate alla mobilità cittadina. «Questi i punti, valevoli per tutte le società del Gruppo Avm, sui quali si è raggiunta un’intesa», precisa la comunicazione dell’amministrazione. Anzitutto, la condivisione della situazione di difficoltà del servizio pubblico di linea; la difesa e la tutela dell’azienda come pubblica e la tutela dell’occupazione; la necessità di richiedere al governo di prorogare la copertura degli ammortizzatori sociali per i prossimi 12 mesi, per proteggere tutti i lavoratori. E ancora si è dato l’avvallo ad un contributo «dei servizi privati integrativi come supporto e non sostitutivi del servizio pubblico, limitato alla fase di emergenza e con tariffe agevolate per rispondere al meglio alle esigenze di residenti e pendolari». Iniziativa, questa che chiama in causa trasporti privati come Taxi e Ncc che hanno chiesto all’assessore regionale De Berti di collaborare, a tariffe agevolate, alla ripresa dei trasporti. E nel progetto bisogna ovviamente inserire anche aziende di trasporto lagunare come Alilaguna. 

Altro punto dell’intesa, la scelta di responsabilizzare « tutti gli attori coinvolti – dalla Regione al Governo – per quanto riguarda le risorse necessarie al servizio, così da contrastare i mancati ricavi dalla riduzione dei flussi turistici» e la necessità di fare «squadra assieme per vedere riconosciuta, a livello regionale e nazionale, la specificità di Venezia, a partire dal rifinanziamento – adesso – della Legge Speciale». Altro punto della intesa è il « progressivo aumento di tutti i servizi del gruppo nel momento in cui saranno aumentate la capacità di trasporto dei mezzi e il numero progressivo dei passeggeri, nel rispetto del quadro economico complessivo». Il dialogo tra sindacati, Comune e Avm ora proseguirà nelle prossime settimane e «sarà aggiornato in base all’evoluzione della situazione e all’emanazione di nuovi decreti e ordinanze sul tema da parte di Governo e Regione».Oggi in una videoconferenza il segretario metropolitano della Cgil Ugo Agiollo e il responsabile della Filt Trasporti, Valter Novembrini, daranno una prima lettura dell’intesa raggiunta ieri al Tronchetto.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.