Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

«Carte scoperte per l’impianto previsto a Fusina»

Fonte: Il Gazzettino del 10-03-202

Una procedura trasparente per il nuovo impianto di trattamento dei rifiuti di Fusina. A sollecitarla è l’associazione Garanzia civica, preoccupata per il mancato coinvolgimento dei cittadini nell’iter del progetto, ora sottoposto alla Valutazione d’impatto ambientale da parte della Regione. «Non ci pare oggi percorribile – si legge in una nota – un rilascio di autorizzazioni che prescinda dall’instaurarsi di un sano contraddittorio con la cittadinanza organizzata».

LO SCENARIO

A preoccupare Garanzia civica è il rischio che l’attività connessa al termovalorizzatore di Ecoprogetto, la società del Gruppo Veritas a capo dell’iniziativa, possa far gola a «certa criminalità organizzata nel business del trattamento dei rifiuti». Nella società, prosegue la nota, «è sensibilmente aumentata la quota di partecipazione nella proprietà di Ecoprogetto Venezia da parte di società private». E lo scenario del settore del trattamento dei rifiuti in questi anni è cambiato: «È cambiata la nozione di combustibile derivato da rifiuto Cdr», dato che oggi si parla di combustibile solido secondario (Css) destinato alla centrale Palladio di Fusina destinata a chiudere nel 2023. Ma Garanzia civica ricorda anche che «sono fatalmente cambiate la condizioni di equilibrio gestionale della Discarica di Piave Nuovo a Jesolo» mentre nel frattempo sono aumentate le aspettative dell’opinione pubblica sui temi del rispetto dell’ambiente e dei cambiamenti climatici. In questo scenario Garanzia civica osserva che, sulla base delle osservazioni delle associazioni che contestano il progetto, «si paventa la possibilità di un utilizzo dell’impianto potenzialmente peggiorativo delle condizioni di impatto ambientale in caso di rilascio dell’autorizzazione». Allo stesso tempo si riconosce che «sembrano altrettanto congrue e ragionevoli le motivazioni di opportunità e urgenza economico/gestionale addotte da Veritas». Per questo si ritiene che sia necessario un confronto aperto fra le parti per esaminare a fondo il progetto del nuovo gtermovalorizzatore di Fusina.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.