Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Distretto degli hotel, 2900 posti vuoti. Il costruttore: «Due anni per ripartire»

Fonte: La Nuova Venezia del 16-04-2020

Era nato, la scorsa estate, come un diretto concorrente con i suoi 2.900 posti letto, del turismo in laguna fatto di alberghi di alta gamma ma non adatti a gruppi e comitive o non pensati per un turismo “low cost”, quello dei giovani e dei nati dopo il Duemila, che punta a spendere poco per dormire, investendo il budget della vacanza in visite ai musei, ristoranti, vita notturna. Il distretto alberghiero di via Ca’ Marcello dal via alle misure di restrizione causa coronavirus si è svuotato. Chiusi i due ostelli AO, i primi ad aprire, chiusi gli altri quattro alberghi. In zona si vedono come presenze quotidiane i vigilantes con i cani del “condominio” alberghiero che sorvegliano gli alberghi per evitare l’arrivo di ladri e vandali e una coppia di senza fissa dimora che dormono da mesi sotto la campata del cavalcavia.Immagini impensabili fino allo scorso Carnevale. «Il settore del turismo da questa pandemia ha subito un colpo durissimo, ci metterà almeno due anni, dicono le stime, a riprendersi», spiega dalla sua casa in Austria, il costruttore Ivan Holler. 

Assieme ai soci della Mtk, Holler ha costruito il distretto di Mestre, un investimento da oltre 70 milioni di euro.«Ma noi costruttori continuamo a mantenere i nostri investimenti in Italia e a Venezia e Mestre. Non intendiamo fare passi indietro», spiega Holler. «Sul fronte del turismo l’incertezza è altissima. Non sappiamo quando potremo tornare a viaggiare, quando si rimetteranno in moto le compagnie dei voli. Per fine maggio gli alberghi potrebbero riaprire, qui in Austria come in Italia, ma ovviamente c’è tanta incertezza su come andranno le cose», spiega.E stimare quando il distretto mestrino tornerà ad aprire le porte ai viaggiatori, è, francamente difficile. «La ripresa non sarà facile e resta la grande incognita del ritorno a viaggiare tra Europa, Asia, America, Inghilterra», precisa il costruttore che oramai si sente di casa anche a Venezia. «Probabilmente sarà tutto difficile finché non si troverà un antidoto alla malattia».I numeri sono evidenti: il turismo che rappresenta il 12 per cento del Pil italiano ha perso il 73% dei ricavi nel primo semestre dell’anno (dato della Cna nazionale). Il giro d’affati è crollato dai 57 miliardi dello scorso anno agli appena 16 miliardi attuali con una stagione estiva, che deve ancora partire, ma che è già compromessa. E regioni ad altissima trazione turistica come è il Veneto delle città d’arte e delle spiagge del litorale sta pagando uno scotto altissimo. Ma questo non ferma gli investimenti nel settore turistico, dice Holler. «Noi della Mtk confermiamo tutti i nostri progetti perché crediamo nell’Italia e in particolare a Venezia», insiste. E quindi spiega che da qui a due anni dovrebbe essere finalizzato il progetto degli ex Gasometri a Venezia dove sono iniziate le bonifiche che si protrarranno per circa 15 mesi. E nel frattempo si attende il via libera del Comune ad un cambio di destinazione del progetto, passando dalla previsione residenziale a quella alberghiera. 

Marcia verso i cantieri, che potrebbero realisticamente partire entro il prossimo mese di ottobre, per il quinto albergo targato Mtk in via Ca’ Marcello. «Qui andremo a realizzare nei terreni dell’ex Immoarea», spiega Holler, «un bellissimo albergo del nuovo brand “Tribe” per Accor Group Hotel che verrà gestito da una società romana». In circa due anni di lavoro verrà ultimato e quindi la nuova realizzazione, stima Holler, potrebbe aprire i battenti quando il settore turistico in città si sarà definitivamente ripreso dalla schiaffo, fortissimo, del lock down per l’allarme pandemia.La società tra tre anni conta di concretizzare anche i cantieri alla stazione Tiburtina a Roma con un albergo da 300 camere camere e un parcheggio da 160 posti posti auto che è anche questo messo in agenda, per l’apertura, tra tre anni nell’ambito di un piano di ferrovie per il potenziamento dell’alta velocità dalla capitale.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.