Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Grandi navi a Marghera nel 2021 Il Comune va sulla rotta di Vtp

Fonte: Il Gazzettino del 05-06-2020

Il Comune plaude all’intenzione di Vtp di dar corso ad investimenti per 83 milioni in modo da spostare gradualmente le navi da crociera dalla Marittima a Marghera e per elettrificare le banchine minori, riservate a maxiyacht e a crociere di lusso. Settori, questi ultimi, che non si sono servite più di tanto di Venezia per la mancanza di servizi dedicati ma che potrebbero avere una crescita esponenziale e portare una fetta di turismo ad alto valore aggiunto. Diverso dalle crociere di massa.

LA VIA DEL SINDACO

Tutto questo, infatti, va nella direzione indicata a suo tempo dal sindaco Luigi Brugnaro, il quale già vent’anni prima – da presidente di Confindustria – aveva individuato questa possibilità e l’ha sempre caldeggiata. Un’ipotesi, che nel corso del Comitatone del 2017, l’ultimo dedicato alle grandi navi, anche il Governo aveva fatto proprio, non con un atto di indirizzo o una delibera, ma un verbale in cui si indicava questa possibile via di sviluppo nel breve periodo: Marghera per le navi più grandi e Marittima per quelle medie e piccole, passando tutte per il canale Malamocco Marghera e poi per il Vittorio Emanuele (opportunamente scavato e risagomato) in modo da arrivare a Venezia senza passare per San Marco. Ora, è curioso che la decisione arrivi dall’assemblea degli azionisti di Vtp, società privata (con la Regione, però, che detiene la maggioranza assoluta) e non da un atto del Governo, ma le linee erano state a suo tempo anticipate con l’individuazione delle banchine Tiv, Vecon e Fusina dal Governo Conte 1 e ribadite dall’attuale ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli. Lo scorso 29 ottobre a Marghera, in occasione del varo della Carnival Panorama alla Fincantieri, aveva annunciato aprile 2020 come il mese della decisione. Questa ovviamente non c’è stata, come non c’è stato il Comitatone promesso per dicembre.

IL MINISTRO

«Le grandi navi non devono più passare per San Marco – aveva detto – la soluzione non è semplice, ma deve essere veloce, tenendo conto dei fattori ambientali, del traffico nautico e delle ricadute economiche. I tempi sono oggettivamente stretti per cui si andrà, ritengo, verso una soluzione provvisoria, mentre valuteremo quella definitiva in seguito, anche in relazione alle risorse economiche da investire». Con molta probabilità il suggerimento era di adottare la soluzione suggerita e caldeggiata dal sindaco Luigi Brugnaro.Prudente il presidente dell’Autorità di sistema portuale dell’Adriatico settentrionale, Pino Musolino. Il che è anche plausibile, dal momento che l’annuncio mai più navi a San Marco nel 2021 arriva dal terminalista privato e non è una decisione del Governo. Anche lui, però, ha sempre chiesto che sia presa una decisione in tempi stretti, prima che i traffici che rendono il territorio veneziano ricco e fonte di occupazione, possano prendere altre vie.

L’AUTORITÀ PORTUALE

«Mi congratulo con il presidente Fabrizio Spagna per la sua riconferma e auguro un buon lavoro a tutto il nuovo Cda – ha detto Musolino – Vtp, in qualità di società concessionaria, così come altri soggetti, ha la facoltà di presentare all’Autorità di Sistema Portuale i progetti e le proposte che ritiene opportune, quali quelle di eventuale project finacing depositati nel 2019, relativi sia alle crociere che ai servizi legati agli yacht». Poi, Musolino fa capire che è in attesa di segnali da parte di Roma. «Quando queste proposte avranno raggiunto l’adeguato grado di maturazione e la necessaria forma, richiesta dalle norme e leggi dell’ordinamento – ha proseguito – verranno conseguentemente valutate. Al momento sono comunque oggetto da parte nostra di attenta disanima, anche per verificarne la coerenza con gli strumenti di programmazione e pianificazione strategica adottati dall’Ente. Non ultimo, va anche considerato che le questioni sono oggetto di attenta e approfondita valutazione da parte del governo nazionale ha concluso Musolino – che sta seguendo con scrupolo l’evolversi della situazione».

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.