Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Il Mose ferma onde alte un metro. Tempi ridotti con due compressori

Fonte: Il Gazzettino del 01-04-2020

Un’altra prova senza intoppi, con le paratoie del Mose che per la prima volta hanno fronteggiato onde alte un metro. Ieri c’è stato il primo dei due giorni di test di sollevamento per la barriera di Chioggia. «Abbiamo avuto condizioni meteo stimolanti – racconta, soddisfatto, l’ingegner Davide Sernaglia, responsabile delle operazioni di sollevamento del Mose – Abbiamo lasciato la schiera su fino a quando l’onda non ha iniziato a decrescere. Non ci sono state oscillazioni delle paratoie, che sono state praticamente ferme. Abbiamo archiviato un bel po’ di dati».

LE MISURE ANTI-COVID

Come previsto dagli accordi con la Capitaneria di porto, per non bloccare del tutto il traffico, in questa bocca le prove vengono divise in due giorni. In realtà, in questo periodo segnato dal coronavirus, di imbarcazioni in movimento per la bocca di porto ce ne sono poche. Ma le regola è stata rispettata. Rispettate, non senza fatica, anche le norme anti Covid-19, con tutti i tecnici coinvolti nelle prove, sia nella control room, che nel tunnel sotto le paratoie, con i dispositivi di protezione. Maschere, guanti e quant’altro. Per evitare sovraffollamenti, è stato pure ridotto il numero di personale in formazione: 5 su un totale di 15 tecnici impegnati. Presente, ma solo a distanza, via Skype, anche il professor Francesco Ossola, l’amministratore straordinario del Consorzio Venezia Nuova che segue la parte tecnica della grande opera.

DOPPIO MOTORE E MARE MOSSO

Il test è iniziato alle 10. Ad essere alzate le nove paratoie lato Pellestrina. In quaranta minuti avevano raggiunto l’angolo di lavoro che in questa barriera è di 42 gradi. Nel test precedente, a gennaio, avevano impiegato un’ora. Ma all’epoca c’era in funzione un solo compressore. Ora sono tutti istallati: i 4 che funzioneranno a regime, più i due di riserva. Ieri ne sono stati usati due. Una messa in esercizio graduale per testarli un po’ alla volta tutti. La barriera è stata lasciate in posizione per circa due ora, con l’ultima paratoia abbattuta più tardi per studiarne la tenuta. Tutte prove necessarie per testare quella macchina complessa che è il Mose. Ieri ha retto senza problemi le onde fino a un metro. Quello che poi dovrà fare a regime, quando le condizioni potranno essere anche peggiori. Finora gli altri test si erano sempre svolti con il mare piatto, o quasi, tranne quello di Malamocco di dicembre, quando le onde erano arrivare a 80 centimetri. Oggi pomeriggio seconda parte del test, stavolta con le nove paratoie lato Chioggia.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.