Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

La scalata del fondo F2i nel porto continua. Acquisita anche la Compagnia Ferroviaria

Fonte: La Nuova Venezia del 23-04-2020

Il Fondo di investimento F2i sgr, partecipato da Cassa Depositi e Prestiti e da grandi banche italiane, prosegue la sua scalata nel trasporto merci rafforzando la sua presenza nel porto di Venezia, dove ha recentemente rilevato, attraverso l’acquisizione di Gruppo Porto di Carrara (Pdc) la gestione dei terminal portuali di Multiservice e Transped. F2i insieme all’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, ha infatti acquisito la maggioranza del pacchetto azionario della società ferroviaria privata Compagnia Ferroviaria Italiana (Cfi), una delle prime linee ferrovie private dedicate al trasporto delle merci sorta in Italia, fondata nel 2007. Il Gruppo Pdc spa realizza oggi la maggior parte degli approvvigionamenti siderurgici per i distretti di Brescia, Verona e Vicenza, i cereali destinati alla trasformazione nei distretti industriali alimentari della Pianura Padana e il marmo e le pietre destinate ai distretti lapidei di Carrara e Verona. A Venezia i terminal Multiservice srl e Transped srl operano come poli portuali polispecialistici e come vere e proprie piattaforme logistiche per l’assemblaggio e movimentazione di moduli a favore di Baker Huges General Electric nell’area di CarraraCon l’acquisizione della Compagnia Ferroviaria Italiana il fondo continuerà a gestire il servizio tra Porto Marghera e Cremona per il trasporto di rinfuse metalliche e acciaio e svilupperà altri collegamenti per il trasporto di cereali dal porto veneziano. 

Il fondo F2i è già presente nel settore del trasporto aereo – con partecipazioni in Aeroporto di Bologna, Sea Milano, Sagat Torino, Gesac Napoli, Trieste Airport – e in quello portuale, con la società F2i Holding Portuale che gestisce terminal a Marina di Carrara, Porto Marghera e Chioggia. Nei giorni scorsi si è parlato anche dell’interesse del fondo a entrare in Autostrade per l’Italia. «Con questa operazione il fondo Ania F2i si posiziona in un settore essenziale per il sostegno del sistema produttivo nazionale e allo stesso tempo determinante per contribuire alla progressiva decarbonizzazione dell’attività di trasporto merci in Italia» ha commentato Renato Ravanelli, amministratore delegato di F2i sgr «La filosofia di investimento di F2i è quella di creare un campione nazionale indipendente, efficiente e capace di realizzare economie di scala, anche aggregando ulteriori operatori, e sviluppare progetti intermodali con altri asset del Fondo, quali i porti merci, settore nel quale F2i ha recentemente investito. Nella Compagnia Ferroviaria Italiana abbiamo individuato un operatore ben posizionato per perseguire questa strategia in continuità con quanto realizzato sino ad oggi dalla Società». Con l’ingresso in Compagnia Ferroviaria Italiana, F2i amplia a un nuovo comparto i settori infrastrutturali in cui già opere ed investe attraverso le 19 società controllate con un fatturato aggregato di circa 4,3 miliardi di euro e 19 mila dipendenti.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.