Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Le civiche al bivio, i rossoverdi indecisi. 25 aprile e UAcp andranno da soli?

Fonte: Il Gazzettino del 27-02-2020

Grande coalizione o la «gamba civica» per conto suo? Si decide in queste ore se comitati e associazioni raggiungeranno un accordo con il candidato del Pd Pierpaolo Baretta. Oppure andranno da sole al primo turno con un loro candidato. Gruppo 25 Aprile e Un’Altra città possibile si sentono un po’ stretti nel ruolo di «cespugli» del partito di maggioranza. Pongono condizioni, fanno qualche conto. Divisi al primo torno potrebbero forse recuperare anche una quota di elettori che altrimenti diserterebbero le urne. Stesso discorso per il polo rossoverde. Vicino all’accordo. Ma ancora con la porta aperta sull’alleanza civica. Che potrebbe andare da sola al primo turno candidando lo stesso Bettin. O altre figure. Si deciderà dopo il confronto con il candidato sui quattro punti irrinunciabili posti dall’assemblea di domenica.«Anche noi siamo per un’alleanza larga, ma non a qualsiasi condizione», dice Giovanni Leone, architetto e tra i portavoce di Un’Altra Città possibile. «L’ipotesi Baretta? Può anche andar bene, ma appunto se ci saranno le condizioni», continua, «ad esempio sulle grandi navi il candidato ha un’occasione splendida per far vedere che si cambia rotta: il Comitatone del 3 marzo». Marco Gasparinetti, a nome del Gruppo 25 Aprile, annuncia una consultazione interna. Anche qui la linea non è decisa. Qualcuno ha paragonato in rete Baretta a Paolo Villaggio. Qualcun altro lo vede invece come un’occasione di unificare tutti e costituire un fronte anti Brugnaro.  

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.