Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Marghera è allarme discariche abusive, la municipalità chiede più telecamere

Fonte: La Nuova Venezia del 30-03-2020

«Incivili all’opera nonostante sia domenica, urgono telecamere». A denunciare discariche che spuntano come funghi nonostante divieti è il presidente di Marghera, Gianfranco Bettin. «Neanche il tempo di ringraziare Veritas e l’assessore de Massimiliano Martin che ha appoggiato la richiesta della Municipalità per l’intervento di pulizia della zona ex vaschette a Marghera che dobbiamo già denunciare, nella stessa zona, altri abbandoni di rifiuti». Tutto in barba alle norme rigide che impediscono di andare in giro se non per motivi comprovati e dimostrati quali spese o parenti che stanno male. «Si tratta in gran parte di scarti da lavori in edilizia, sia di provenienza esterna (verso via Fratelli Bandiera) sia legati a qualche intervento di rattoppo nell’unico condominio del rione ancora in piedi, ossia in via Pasini (se ne attende la demolizione da anni, ora è un rifugio di sbandati e un covo di malavitosi)». Prosegue il presidente di Marghera: «Forse è necessario il posizionamento di una telecamera nella zona, perché è troppo insistente l’abbandono di rifiuti per non pensare che sia stata ormai identificata come un luogo comodo da utilizzare da parte di molti incivili che vi giungono facilmente dalle vie di veloce scorrimento che la lambiscono: via Padana, via Fratelli Bandiera, la Romea».Per Bettin, dunque, servono occhi elettronici per identificare chi in barba ad ogni regola, in situazione delicata come quella che la comunità si trova ad affrontare, abbandona in giro rifiuti. Un problema diffuso, denunciato anche dalla stessa Veritas e legato in parte anche alla chiusura degli Ecocentri. 

Nei giorni scorsi i camion di Veritas sono dovuti intervenire in via del Bosco a Marghera. E ci sono stati abbandoni di rifiuti in tutto il territorio: da via Rielta, vicino al parco Albanese, in zona Bissuola fino alle periferie. «Da quando sono cominciate le restrizioni, abbiamo riscontrato un aumento di abbandoni e di micro discariche che sembrano proprio l’effetto dello svuotamento di magazzini, garage, soffitte fatti adesso che la gente ha più tempo» aveva spiegato l’azienda di via Porto di Cavergnago. Interventi di pulizia si sono necessari in via Irpinia, della Pila, via Calabria, via Garibaldi, via Trezzo, via Vallenari e via Gobbi. Tonnellate di rifiuti conseguenza della chiusura degli ecocentri causa emergenza sanitaria e delle pulizie messe in atto dalle persone che svuotano garage e soffitte gettando, poi, il materiale ingombrante in giro. E ci sono anche incivili che già lo facevano prima, che continuano, approfittando della situazione, a liberarsi di scarti. Telecamere di sorveglianza anti-abbandoni che controllano le isole ecologiche in capo ai vigili sono già in funzione nelle vie Lussinpiccolo, Gatta, strada dei Ronchi, Fapanni (nel mercato San Michele). Le prossime dovrebbero essere installate nelle vie Mentana e Trincanato. Marghera ha urgenza.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.