Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Mestre, perché questa strage di alberi? Il Forum del Verde incalza il Comune (che non si presenta)

Fonte: Il Gazzettino del 18-02-2020

Venti questioni, molto puntuali, portate all’attenzione del Comune con l’obiettivo di difendere e sviluppare il verde in città, la cui cura è ora in capo al Consorzio di cooperative Gaetano Zorzetto. Sono quelle individuate dal Forum del verde, che venerdì scorso si è autoconvocato per iniziativa di una ventina di associazioni e comitati nella sede di Amico Albero in via Col Moschin, con la partecipazione di una settantina di persone. Tra loro, però, nessuno dell’amministrazione comunale, mentre erano presenti i consiglieri Sara Visman dei Cinquestelle e Emanuele Rosteghin del Pd. Sono state richieste le motivazioni della strage degli alberi di Altobello, così si legge nel verbale diffuso da Michele Boato, con riferimento a quelli abbattuti nell‘area ex Italgas. Richiesti chiarimenti anche su quanto sta avvenendo in via del Tinto a Carpenedo dove i lavori per la lottizzazione di una serie di villette sono iniziati senza l’autorizzazione paesaggistica (mai richiesta) e ignorando altri vincoli ambientali esistenti. Un altro interrogativo è sul perché non si renda pubblica tempestivamente per iscritto, l’intenzione di tagliare un albero specificandone i motivi e chi li certifica e quale siano i parametri per la stabilire se ci sia pericolosità. Un quesito ha riguardato le modalità di spesa dei cinque milioni l’anno per la manutenzione del verde; uno se sia legale privatizzare porzioni di verde pubblico; un altro su cosa si intenda per sicurezza che spesso giustifica l’abbattimento degli alberi. Si è discusso del parco del Marzenego all’ex Umberto I, della tutela del Rio Cimetto messo a repentaglio dal collegamento tra la Castellana e la Miranese, del parco Bissuola dove si stima che negli ultimi cinque anni siano stati abbattuti 120 alberi, degli alberi salvati la scorsa estate in via Bissuola, della difesa delle piante di mimosa in via Cappuccina, del disastro degli oltre 3 mila alberi alti 20-30 metri tagliati a Tessera, col consenso del Comune per allargare fino alla Triestina i già enormi parcheggi a servizio dell’aeroporto. Quindi è emersa la questione del parco di San Giuliano, con le polemiche legate all’assegnazione degli spazi a una società privata per organizzare eventi e al mantenimento dei capannoni delle ditte di trasporto lungo il Canal Salso. Il Forum si è riaggiornato al 14 marzo, alle 17, nella stessa sede auspicando la partecipazione di un delegato qualificato del Comune.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.