Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Mose, ok il test di Treporti aspettando le prove generali

Fonte: La Nuova Venezia del 03-07-2020

Prove tecniche per il 10 luglio, giornata che verrà ricordata nella lunghissima vicenda del Mose. Ieri dalle 15 alle 19, sotto il controllo dell’ingegnere Davide Sernaglia, è stato eseguito il test in previsione di venerdì prossimo quando, per l’evento, potrebbe arrivare anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Ieri sono stati fatti i rilievi, controllate le strumentazioni e sollevata la barriera intera di 21 paratoie, dal Lido, lato Nord, a Treporti. Il 10 sarà la volta del primo test di sollevamento di tutte e 78 suddivise nelle quattro barriere di Chioggia, Malamocco, Lido e Treporti. Non essendo finiti gli impianti, i coordinamenti verranno effettuati dall’Esercito con un ponte radio. La giornata prevede lo sbarco delle autorità nell’isola artificiale di San Nicolò, la visita alla control room e l’incontro con le maestranze. La prima pietra del Mose era stata posata nel 2003 da Silvio Berlusconi. Da allora la grande opera è stata sempre nell’occhio del ciclone, raggiungendo il culmine nel 2014, quando venne a galla un giro di tangenti tale da diventare uno dei più grandi scandali in Italia. Lievitati anche i costi: dai circa tre miliardi iniziali, ora ne costerà quasi sei. Negli ultimi mesi il Mose è stato anche al centro delle polemiche per l’eccezionale acqua alta che ha colpito Venezia nel novembre 2019. In quei giorni molti avevano chiesto se fosse possibile sollevare comunque le paratoie, ricordando che lo scopo del Mose era quello di proteggere la città dalle maree. Il primo test del Mose servirà anche a capire i tempi della conclusione che sembra non finire mai. 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.