Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Mose, valvole da sostituire Sull’Arsenale decisione rinviata

Fonte: La Nuova Venezia del 28-05-2020

La manutenzione delle paratoie non si farà all’Arsenale. E molte parti del Mose dovranno essere sostituite. A cominciare dai tensionatori e dalle valvole idrauliche. Quanto alla corrosione dei materiali, si dovranno ricercare le responsabilità dei costruttori. Perché i fori di passaggio dei cavi nelle gallerie sott’acqua hanno fatto emergere problemi di tenuta idraulica. Lunga seduta del Comitato tecnico del Provveditorato ieri pomeriggio a palazzo Dieci Savi. All’ordine del giorno questioni importanti per il futuro della salvaguardia e il progetto Mose. Il master plan dell’Arsenale, prima di tutto. Gli interventi di restauro del complesso monumentale e la sistemazione dei bacini di carenaggio. Gli scarichi e il completamento della Control room, la cabina di regia del Mose. Ma l’approvazione del piano è stata rinviata di 15 giorni. La commissaria Sblocca cantieri Elisabetta Spitz, non presente alla riunione, ha richiesto copia del Master plan. La decisione è strategica. Già presa dall’ex provveditore alle Opere pubbliche Roberto Linetti. Dopo uno studio costi-benefici, accogliendo le istanze delle associazioni e degli esperti, Linetti aveva stabilito di trasferire nell’ex area Pagnan, a Marghera, la linea di manutenzione delle paratoie. Lavori pesanti, poco adatti alla monumentalità dell’Arsenale. 

Negli storici bacini di carenaggio, unico esempio del genere nel Mediterraneo, si sarebbero potute avviare attività di manutenzione navale e cantieristica.Dopo quasi due anni però la situazione è ancora bloccata. Le imprese reclamano i pagamenti per lavori già fatti, e chiedono chiarezza e garanzie per il futuro.L’Arsenale è in concessione nella parte Nord al Consorzio Venezia Nuova dal 2005, quando venne affidato all’allora presidente Giovanni Mazzacurati proprio da Elisabetta Spitz, all’epoca direttore nazionale del Demanio. Nel 2012, con un emendamento alla Finanziaria, l’ex sindaco Giorgio Orsoni era riuscito a far passare il bene al Comune. Ma nella parte Nord resta il Consorzio. Adesso si dovrà decidere al più presto dove portare la manutenzione delle paratoie. Che da progetto devono essere portate a dipingere almeno una ogni mese. Si tratta di stabilire dove andranno queste lavorazioni. «L’area Pagnan», hanno detto i tecnici del Provveditorato, «presenta qualche problema sull’aspetto della proprietà. Rinviata anche la decisione sulla richiesta di Abb, la società che ha vinto la gara per la realizzazione degli impianti, di avere altri 600 mila euro per attività aggiuntive che sarebbero state svolte durante i sollevamenti delle paratoie. Per l’Arsenale si dovrà aspettare la prossima riunione. 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.