Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Rate dei mutui, chieste 20 mila sospensioni

Fonte: La Nuova Venezia del 03-06-2020

Si stima siano oltre 18 mila le famiglie che nel Veneziano hanno chiesto alla propria banca la sospensione delle rate del mutuo prima casa. Numeri destinati certamente a salire nelle prossime settimane, quando la situazione economica in molti settori, a causa del coronavirus, si farà più complicata. Il Fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa – il cosiddetto fondo Gasparrini – è stato istituito presso il ministero dell’Economia e delle Finanze nel 2007 e ha previsto la possibilità, per i titolari di un mutuo fino a 250 mila euro per l’acquisto della prima casa, di beneficiare della sospensione per 18 mesi del pagamento delle rate al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà. Il Fondo sostiene il 50% degli interessi che maturano nel periodo della sospensione. In occasione dell’emergenza sanitaria per l’epidemia di coronavirus, il governo ha deciso il rifinanziamento del fondo con 400 milioni di euro e ha allargato la platea dei potenziali beneficiari.«Si tratta fondamentalmente di persone che a seguito del coronavirus hanno perso il lavoro o che attendono ancora la cassa integrazione in deroga, meno invece i liberi professionisti e partite Iva», commenta Carlo Garofolini dell’Associazione difesa consumatori (Adico) di Mestre. «Quest’ultimi hanno infatti ricevuto almeno il bonus. Stimiamo in provincia almeno 18 mila domande presentate complessivamente, un numero però in piena evoluzione. L’aiuto da parte dello Stato è secondo noi insufficiente per aiutare chi è in difficoltà. Ci poteva essere un maggiore coinvolgimento anche da parte delle banche, che potevano per qualche mese sospendere il pagamento degli interessi e velocizzare le pratiche».Secondo gli ultimi dati diffusi da Banca d’Italia continuano a crescere rapidamente, e hanno superato quota 134 mila, le domande di sospensione delle rate del mutuo sulla prima casa, per un importo medio di circa 87 mila euro.

Le moratorie dell’Abi e dell’Assofin rivolte alle famiglie, avviate alla fine di aprile, hanno raccolto invece quasi 300 mila adesioni, per oltre 9 miliardi di prestiti. «Ma se la sospensione delle rate del mutuo è regolamentata e aiutata, seppur poco, dallo Stato», aggiunge Garofolini, «la situazione più grave la vive chi è in affitto. Purtroppo non c’è nulla che regolamenta la situazione o fondi che possano aiutare quanti si trovino in questa circostanza. E stimiamo che queste situazioni di difficoltà siano almeno equivalenti a quanti chiedono la sospensione del mutuo. In alcuni casi, il proprietario di casa ha abbassato la quota dell’affitto, ma purtroppo la stragrande maggioranza non lo ha fatto».Intanto calano mutui in Veneto per l’acquisto dell’abitazione. L’Ufficio studi del Gruppo Tecnocasa (su dati Banca d’Italia) ha analizzato i dati del terzo trimestre 2019, quando le famiglie hanno ricevuto finanziamenti per 1.009,2 milioni di euro, che collocano il Veneto al terzo posto per totale erogato in Italia. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, si registra una variazione delle erogazioni pari a -7,6%. Nel terzo trimestre 2019, nel Veneziano sono stati erogati volumi per 202,2 milioni e la variazione rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente è pari a -8,5%. I primi nove mesi hanno visto un totale di 618,4 milioni di euro, con una variazione di -5,9%

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.