Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

«Riaprire in due settimane o chiuderemo per sempre»

Fonnte: La Nuova Venezia del 07-04-2020

Gli artigiani non ce la fanno più e chiedono di riaprire al più presto la loro attività, in tutta sicurezza. «Facciamo riaprire fra quindici giorni le aziende già in grado di garantire la sicurezza dei lavoratori, o l’economia del territorio collasserà del tutto», dice il presidente della Cna veneziana, Giancarlo Burigatto «Per tante piccole e medie imprese di tutti i settori costrette a stare ferme ormai dall’inizio di marzo», afferma, «l’alternativa è secca: tornare a produrre a breve o abbassare le saracinesche per sempre». «Ma beninteso, non siamo irresponsabili», tiene a chiarire, «e di certo non sottovalutiamo il bene primario della salute. Pensiamo alla riapertura per le moltissime pmi che si sono attrezzate, o lo stanno facendo, per garantire appieno le misure ed i dispositivi per la sicurezza igienico-sanitaria». Proprio su questo, fra l’altro, verte una delle proposte che la Cna ha avanzato l’altro giorno al sindaco Luigi Brugnaro dopo l’ultima videoconferenza tra primo cittadino e associazioni. «Abbiamo chiesto espressamente», spiega ancora il numero 1 della Cna veneziana, «che il coordinamento indispensabile tra Città metropolitana, Comuni e parti sociali garantisca anche un servizio di informazione per le aziende sulla pronta e continua reperibilità dei dispositivi di protezione». «Entrare in un’ottica di ripartenza a breve è davvero necessario» conclude il presidente della Cna, «Questo stallo dell’attività, e le casse vuote che ne derivano, alla lunga finirebbe per consegnare molti artigiani e piccoli imprenditori alla disperazione». Gli artigiani sono tra le categorie che più, anche per le maggiori difficoltà al sistema bancario, rischiano di uscire con le ossa rotte da questa crisi.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.