Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Santa Marta, la Municipalità vuole conoscere i progetti del Porto: «Verranno presentati»

Fonte: VeneziaToday del 11-05-2020

Qualcosa si muove attorno al progetto del Porto che riguarda Santa Marta e San Basilio. L’Autorità portuale, alcuni mesi fa, ha deciso di affidare a uno studio specializzato la redazione di un masterplan di interventi tra la Marittima, Sant’Andrea e Santa Marta, con focus specifico sull’area dell’ex platea lavaggi (lungo il canale della Scomenzera, adiacente ai binari che raggiungono Santa Marta). Il piano contempla l’adeguamento del fabbricato 280 in Marittima, la valorizzazione della terrazza ex Consorzio Lidotel (nel tratto tra la rampa del Tronchetto e la rampa Sant’Andrea), la realizzazione in Marittima di un parcheggio multipiano connesso alla stazione passeggeri e al people mover.

Comitati e cittadini

La Municipalità di Venezia Murano Burano, sollecitata da comitati cittadini e residenti ad avere notizie sui progetti dell’Autorità portuale, interpella il Porto. «Gentile dottor Musolino – si legge nel testo del presidente Giovanni Andrea Martini – i residenti della zona sono preoccupati dallo stato di avanzamento dei cantieri – e chiedono di avere informazioni -. Riteniamo che l’Autorità portuale, oltre agli obblighi di legge e i vincoli che deve rispettare, debba operare in piena trasparenza. Come organo democratico più vicino alla cittadinanza, secondo il principio costituzionale del decentramento, rimaniamo – scrive Martini – disponibili ad aiutare la necessaria comunicazione e il dibattito, anche se sconcertati dal silenzio dell’Amministrazionme comunale di fronte a quanto sta avvenendo in un’area così importante della città».

Spazi verdi

Diretta arriva la risposta del Porto. «Il progetto – scrive l’Autorità di sistema portuale – ricade nelle aree demaniali di competenza esclusiva del Porto ed è funzionale alle attività portuali e marittime dello stesso. Nell’area sono pianificati interventi e uno di questi è il parcheggio volto a decongestionare e razionalizzare la viabilità a servizio delle attività marittimo-portuali. È chiaro che passerà attraverso l’ottica di operare una compenetrazione virtuosa delle areee portuali con quelle residenziali confinanti e che tale progetto verrà presentato e discusso nelle sedi competenti a  partire dall’amministratore comunale di cui la Municipalità, che Lei rappresenta, è una articolazione. Sono certo – conclude il presidente Pino Musolino – comprenderà che l’ente pubblico si relaziona nelle forme e modi previsti dall’ordinamento non in base alla volontà di soggetti non previsti». Poi l’Autorità portuale fa sapere che il piano verrà presentato appena sarà possibile, che «al momento si tratta di un’ipotesi progettuale, e gli spazi verdi e alberati verranno presi in ovvia considerazione».

 
Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.