Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

«Sempre più sbandati. Spaccio e consumo davanti a San Michele»

Fonte: La Nuova Venezia del 19-04-2020

Spaccio alla luce del giorno, coppie di sbandati che si bucano davanti ai rari passanti. La segnalazione arriva dagli abitanti della zona di via Fratelli Bandiera, all’altezza del Centro sociale Rivolta. I residenti segnalano una recrudescenza del fenomeno, soprattutto in queste settimane in cui si va meno in giro se non per motivi strettamente urgenti e necessari e le persone escono per gettare la spazzatura o fare le spese. «Sono uscito per portare mia madre a fare delle terapie», racconta un abitante «e nei pressi della chiesa di San Michele ho visto due ragazzi, un uomo e una donna, che si stavano tranquillamente bucando le braccia alla luce del giorno, a poche decine di metri di distanza. Gli ho urlato di andare via». L’uomo ha anche girato un video, che ha fatto il giro di molte chat, arrivando anche allo stesso parroco. Secondo i residenti, non sarebbe la prima volta, in questi giorni, in cui dai balconi delle finestre si possono scorgere scene simili. «Spacciano e si drogano», prosegue, «forse pensando che nessuno li controlli. 

La situazione era peggiorata già prima del Coronavirus». Le zone prese di mira – secondo l’abitante – sono piazzale Giovannacci, piazza Mercato, piazza Sant’Antonio e l’area dietro le poste centrali vicino a piazzale Concordia. L’area a ridosso chiesa di San Michele sarebbe l’ultima in ordine di tempo, presa di mira dai drogati e dagli sbandati. «In più occasioni sono state recuperate siringhe gettate a terra, ma anche altri strumenti per drogarsi. Abbiamo fatto presente a polizia e assessore alla sicurezza anche altri siti tra cui l’ex cral Montedison, la zona a due passi dal ponte strallato, le fabbriche abbandonate come l’ex Galileo, sempre in via Fratelli Bandiera. Ricordiamo che sono sempre gli stessi, che fanno la spola tra Mestre e Marghera». Il parroco don Roberto Berton, in ogni caso, ha fatto sapere di non aver notato un peggioramento della situazione e nemmeno di aver individuato persone che stazionano nel sagrato per drogarsi. L’ex fabbrica Galileo, che dovrebbe trasformarsi in un albergo, è stata un sito di rifugio di persone che la utilizzavano per nascondersi e spacciare.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.