Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Super-parcheggio per Forte e Venezia

Fonte: Il Gazzettino del 16-04-2020

Oltre trecento posti auto per frequentare le manifestazioni di Forte Marghera senza finire nel fango e, di giorno, per lasciare la vettura e salire sul tram percorrendo poco più di 200 metri. Insomma, un vero e proprio parcheggio pubblico intermodale su via Forte Marghera che, entro fine mese, andrà in approvazione in una conferenza dei servizi che coinvolge anche la Soprintendenza (con la quale il Comune ha comunque già dialogato nella fase di progettazione) e il Provveditorato interregionale alle Opere pubbliche per Veneto, Trentino e Friuli.

DOPPIO USO

L’idea, già finanziata con un milione e 500 mila euro, è di sistemare come si deve tutto il terreno lungo via Forte Marghera prima dell’ex postazione militare, ricavando 270 posti auto più altri 45 nel parcheggio coperto di sassi all’ingresso del ponte che conduce al Forte, creando così un servizio che mancava per le attività e le mostre a San Giuliano, ma anche per la pista di atletica e gli impianti sportivi che si trovano dall’altra parte della strada e, non ultimo, un park strategico per chi vuole lasciare l’auto e raggiungere Venezia prendendo il tram in viale San Marco, percorrendo la pista ciclopedonale che è già in corso di realizzazione. «Il progetto, elaborato dall’ingegnere Marco Sari, è già pronto e, dopo questo passaggio, contiamo di procedere con l’appalto per completare quest’opera per la primavera dell’anno prossimo» spiega l’assessore alla Mobilità Renato Boraso che sta lavorando in tandem con i Lavori pubblici di Francesca Zaccariotto per portare a termine questo intervento e dare un ulteriore segno che, nonostante tutti i problemi di questi mesi, la città sta andando avanti.

RISPETTOSO DELL’AMBIENTE

La presenza della Soprintendenza nella Conferenza dei servizi è ovviamente dovuta alla vicinanza con Forte Marghera e alla delicatezza dell’ambiente in cui il parcheggio verrà collocato. Ma il progetto, che sarebbe già stato ampiamente condiviso, non prevede di creare un parcheggio stile centro commerciale con una distesa di asfalto, utilizzando invece materiali drenanti e naturali da posare sul terreno (in grado cioé di far filtrare l’acqua) oltre alla piantumazione di una quarantina di nuovi alberi. «Il sindaco ha chiesto ai progettisti di pensare sia agli aspetti di minor impatto ambientale, sia quelli di massima funzionalità e modernità – riprende Boraso -. Il parcheggio sarà infatti dotato anche di colonnine di ricarica elettrica e di una stazione del Bike sharing, mentre gli stalli per la sosta delle bici saranno posizionati nell’immediata vicinanza dell’ingresso del Forte». Per la gestione dei 270 nuovi posti auto Boraso ipotizza di duplicare quella del Porta Rossa di San Giuliano, con tre ore gratuite e poi a pagamento. «Prevista anche una nuova illuminazione e marciapiedi, sempre compatibili con l’ambiente, per permettere a chi parcheggia di arrivare al Forte senza infangarsi interamente scarpe e vestiti, e un nuovo collegamento ciclabile che permetterà a chi percorre in bici la nuova pista in corso di ultimazione tra via Torino e il parco di San Giuliano di raggiungere anche il campo di atletica». I primi lavori dovrebbero partire già a settembre con la riqualificazione del parcheggio esistente. A seguire sarà realizzato il nuovo parcheggio esterno. 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.