Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Super-Vez, si va all’appalto

Fonte: Il Gazzettino del 23-03-2020

Il primo passo è stato trovare i soldi, il secondo – nel settembre scorso – approvare il progetto definitivo. Ed ora con l’ultimo passaggio dei giorni scorsi in Giunta, il progetto di ampliamento della biblioteca civica di Villa Erizzo è pronto per andare in appalto con la speranza, coronavirus e burocrazia permettendo, di avviare l’opera entro la fine di quest’anno. Un intervento che, oltre ad aumentare gli spazi di lettura per studenti e frequentatori della Vez, trasformerà la biblioteca in un campus nel cuore di Mestre. 

AGGIUDICAZIONE IN AUTUNNO

«É l’ultimo passo prima della gara d’appalto – commenta Francesca Zaccariotto, assessora ai Lavori pubblici -. In questi giorni difficili è un segno che vogliamo guardare avanti e, secondo i nostri piani, per settembre o ottobre contiamo di poter affidare le opere, avviando l’intervento entro la fine di quest’anno». Un intervento che cambierà radicalmente il volto della biblioteca centrale, finora confinata nell’edificio storico di Villa Erizzo e nella barchessa retrostante per quanto riguarda la Vez Junior. Con il finanziamento da 2,6 milioni di euro (la base di gara prevista sarà di 2,1 milioni, quindi con la possibilità di ottenere qualche risparmio) la Vez si svilupperà su tutti i quattro lati dell’area interna finora utilizzata come parcheggio e magazzini, creando un cortile con un giardino su cui si affacceranno non solo nuove sale studio, ma anche una caffetteria e una sala conferenze.

IL PROGETTO

La stecca dei magazzini lungo il perimetro sarà quindi demolita per fare posto ad una struttura a L, con un doppio ingresso ed un collegamento su Villa Erizzo, tutto su un unico piano (nel progetto iniziale ne erano previsti due, ma la Soprintendenza aveva stoppato l’ipotesi per tutelare la visuale del retro della villa), con enormi vetrate che illumineranno le sale studio affacciate su un giardino di 600 metri quadrati e una pedana in legno lungo tutto il profilo dell’edificio, arredata con tavolini e sedie. «Con questo progetto si completa un pezzo mancante di Mestre – aveva spiegato nel settembre scorso l’assessore Simone Venturini -. La Vez è piccola, ma cresce e spinge per avere più spazio». Del resto, con una media di 500 accessi al giorno in tempi normali, la biblioteca civica aveva più che mai bisogno di trovare nuovi spazi. La nuova sala di 1.100 metri quadrati, con armadi a muro, raddoppierà quindi i posti per lo studio e la lettura: ai 150 di Villa Erizzo e i 60 della Vez junior si aggiungeranno altre 145 postazioni e una sala conferenze da 95 posti (che potrà essere utilizzata anche al di fuori degli orari della biblioteca), oltre a una caffetteria con sala interna e plateatico. La nuova Vez sarà alimentata con pannelli solari e attrezzata con computer e tablet.  Per vedere tutto questo (come nel rendering qui sopra che fa capire come sarà trasformata l’area interna di Villa Erizzo) si dovrà presumibilmente attendere fino alla fine dell’anno prossimo, o l’inizio del 2022. «Ora contiamo di riuscire ad aggiudicare l’appalto nei tempi normali – conclude Francesca Zaccariotto -. É chiaro che la situazione attuale di emergenza nazionale non consente di fare previsioni esatte, ma ora tutti i passi sono stati fatti per arrivare all’affidamento dei lavori».

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.