Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Superstrada del mare «Tutti i progetti saranno concordati con i sindaci»

Fonte: La Nuova Venezia del 15-06-2020

«I sindaci saranno i primi interessati e coinvolti, con il compito di valutare le migliori ipotesi concertate e approfondite con gli enti preposti». La deputata leghista Giorgia Andreuzza tranquillizza i sindaci che hanno lamentato di non essere stati coinvolti sull’emendamento presentato al Decreto Rilancio riguardo alle grandi opere per la viabilità verso le spiagge. «Al sindaco Pavan di Meolo tengo a precisare che l’emendamento non contiene tra i punti menzionati il progetto della superstrada del mare, proprio perché trattasi di progetto di finanza e con un suo iter avviato», spiega Andreuzza, «mentre tratta in via generale la questione del casello di Noventa. Al sindaco Marian di Noventa posso assicurare che l’emendamento non contiene progetti definitivi, tutt’altro. Sto chiedendo risorse importanti allo Stato, probabilmente mai chieste e che trovo compatibili con il Decreto Rilancio. Almeno 160 milioni di euro quantificati sulla base di studi di fattibilità realizzati dagli stessi enti e chiedo che la Regione abbia ruolo di coordinamento, con la nomina di un commissario speciale nella figura del presidente della Regione sul modello della realizzazione del ponte Morandi di Genova. Viene fatta una richiesta al governo per poter intervenire su un problema legato alla viabilità verso le spiagge che è ben noto a tutti i sindaci, alla Regione, alla Città metropolitana, ancora dai tempi in cui era Provincia. 

In questo momento post-Covid, in cui il premier Conte annuncia 120 miliardi da destinare a opere pubbliche, credo dal territorio debbano essere fatte proposte. Dovrebbe essere accolta favorevolmente la mia tempestività nel pensare di inserire questa esigenza nel decreto in esame per non sprecare questa opportunità».Andreuzza assicura che nella discussione dei progetti i sindaci saranno in prima fila. «Il lavoro progettuale ovviamente coinvolgerà i sindaci e gli enti preposti e sarà compito della Regione gestire questo percorso in modo più snello, proprio se le verrà affidato il ruolo richiesto con il mio emendamento», conclude la deputata noventana, «essendo un emendamento depositato dalla Lega, ho ritenuto di annunciarlo con gli amministratori colleghi della Lega dei territori interessati con cui ho condiviso l’idea. Se poi tutti i sindaci ritengono che queste risorse siano utili da portare a casa per il territorio, allora la richiesta va nella stessa direzione orientata al governo, affinché l’emendamento venga approvato per avere fondi e gestione da parte della Regione per la realizzazione del progetto nell’insieme. Mi preoccupa maggiormente la chiusura costante che noto da parte dei 5 Stelle, che parlano di sbloccare i cantieri e sburocratizzare. Ma non vedo proposte, se non quelle di continuare con i loro no».

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.