Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Svolta verde per La Piazza

Fonte: Il Gazzettino del 03-03-2020

È la prima esperienza europea di riqualificazione energetica sostenibile di un centro commerciale mediante l’utilizzo dell’equity crowdfunding. L’operazione, illustrata nei giorni scorsi nel corso di un incontro a Ca’ Foscari, riguarderà il centro commerciale La Piazza di Favaro, che grazie a questo intervento diventerà una struttura dimostrativa, oltre che innovativa, di tutte le tecnologie dell’efficienza energetica. Investire in aziende attraverso l’equity crowdfunding, ovvero mediante modalità di raccolta fondi, significa puntare su imprese che si ritiene abbiano il potenziale per crescere e imporsi sui mercati: in pratica si investono soldi in cambio di una parte delle quote del loro capitale, diventandone, conseguentemente, soci. 

I PROMOTORI

Promotore di questo progetto è la start up Retail Efficiency Venezia srl, che in virtù della capitalizzazione ottenuta dai soci fondatori e dalla raccolta fondi, sottoscriverà un prestito bancario che permetterà di realizzare l’intervento di riqualificazione energetica. Il compito di mettere a punto il piano di riqualificazione dell’intero complesso commerciale di via Triestina spetta, invece, a InfinityHub, acceleratore italiano leader in progetti social-green e eAmbiente, società veneziana di progettazione ambientale. L’intervento, il cui costo preventivato è di 800 mila euro, prevede l’illuminazione a led delle parti comuni, la sostituzione di due caldaie con una pompa di calore, l’installazione di un impianto fotovoltaico e di colonnine per la ricarica delle auto elettriche. Ma pure la sostituzione delle coperture al fine di migliorare l’isolamento termico e di gronde e pluviali per il deflusso dell’acqua piovana. Il centro La Piazza è sorto 25 anni fa in un’area di cui il Comune è titolare del diritto di superficie e l’intento originario dell’amministrazione era quello di riqualificare un’area urbana marginale, concentrandovi attività commerciali ed artigianali. Un obiettivo raggiunto perché oggi nei dintorni ci sono le scuole, il distretto socio sanitario, un centro parrocchiale e abitazioni pubbliche e private. Il centro consta di cento attività commerciali, soprattutto di carattere artigianale, una filiale di Poste Italiane e una filiale bancaria di interesse nazionale, ambulatori medici, studi tecnici, officine, bar, pasticcerie e molto altro. 

CANTIERI A GIUGNO

I lavori di riqualificazione, che prenderanno avvio a giugno per concludersi a dicembre di quest’anno, oltre a migliorare la performance energetica del centro commerciale, contribuiranno, cosa non di poco conto, all’aumento del valore dell’immobile. «Non possiamo che essere soddisfati della scelta fatta hanno commentato Luca Rosin e Andrea Michieletto, rispettivamente amministratore e direttore del centro La Piazza – perché senza impegnare capitali e rimanendo con una spesa per la materia energia praticamente fissa riusciamo ad riqualificare il centro, ristrutturarlo e a renderlo green». La stessa soddisfazione che viene espressa anche dai soci proprietari dell’edificio che nel corso dell’assemblea deliberativa hanno manifestato consenso unanime al progetto.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.