Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Tornano i predoni delle barche Una dozzina di furti nella notte

Fonte: Il Gazzettino del 11-04-2020

Furti a raffica sulle barche. Sia in Osellino che in Canal Salso. Più dello scorso anno. Vuol dire che nemmeno il coronavirus ferma i ladri. E ormai non passa giorno senza la denuncia di qualche proprietario di barche che lamenta l’ennesimo raid ladresco. Sono più di una dozzina nel giro solo dell’ultima settimana le barche che sono state letteralmente svuotate in Canal Salso. Non parliamo poi dell’Osellino, da sempre una delle mete più gettonate per i ladri. Che arrivano sia via terra che in barca. E in entrambi i casi non si capisce come possano sparire nel nulla visto che, di notte, soprattutto in questo periodo, il silenzio regna sovrano in tutta la città. 

SCORRIBANDE NOTTURNE

E infatti soprattutto chi abita lungo via Forte Marghera dice di sentire ogni notte il rumore di barchini in corsa lungo il Canal Salso. Esattamente come succedeva l’anno scorso e l’anno prima, quando mini-bande di giovinastri passavano il loro tempo a rifornirsi gratis di benzina, alleggerendo i serbatoi della barche ormeggiate. In particolare erano quelli delle baby gang, di Mestre e di Venezia, a considerare il Canal Salso come il loro parco giochi personale, il posto giusto per rubare quel che c’era. Con l’arresto delle baby gang, la scorsa estate, era finito tutto e la pace era tornata fra il popolo dei diportisti del Canal Salso, mentre sull’Osellino le scorribande erano continuate, ma con meno intensità. Adesso sono riprese e se per l’Osellino si tratta soprattutto di motori interi e parti di motore, in Canal Salso viene portato via tutto quel che si trova dentro la barca, dal mini televisore ai caricabatterie, dai serbatoi vuoti alle eliche. Par di capire che sull’Osellino si muovono soprattutto bande di professionisti, mentre in Canal Salso sono all’opera bande di ragazzotti che preferiscono i raid vandalici. Curioso che questi furti continuino in questo periodo, visto che di notte in giro non c’è anima viva, ma ancora più curioso che ogni notte ci sia gran movimento di barchini lanciati a tutta birra in Canal Salso. E si tratta chiaramente di barchini che vengono da Venezia e che, dunque, devono per forza percorrere indisturbati il Canale di San Secondo, che costeggia il ponte della Libertà. Un anno fa il Comune aveva annunciato che avrebbe installato telecamere sulla darsena del Canal Salso a ridosso di piazza Barche. Ma non è stato fatto nulla. Così come è finita nel nulla la promessa di aumentare l’illuminazione almeno nel tratto del Canal Salso che va da piazza Barche a viale Ancona.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Grazie, l'iscrizione è avvenuta con successo. Controlla la tua mail e clicca sul link per confermarla.